Indietro

Furbetti del cartellino, chiesto rinvio a giudizio

Le videocamere installate dai carabinieri hanno permesso di registrare l'entrata e l'uscita dagli uffici pubblici della Provincia e del Genio civile

MASSA CARRARA — La procura di Massa Carrara, nell'ambito dell'inchiesta sui cosiddetti furbetti del cartellino alla Provincia e al Genio civile, ha chiesto il rinvio a giudizio per 49 dipendenti. Ad anticipare la notizia è stata La Nazione ricordando che nel settembre 2018 la stessa inchiesta ha riguardato una trentina di dipendenti pubblici, ma c'erano altri indagati. 

La procura contesta reati che vanno dalla truffa ai danni dello Stato, al peculato alle false attestazioni. I carabinieri, grazie alle telecamere nascoste, hanno ripreso gli indagati durante l'orario di lavoro e dai filmati sono risaliti alla mancata timbratura del cartellino all'uscita per recarsi a fare shopping, dal parrucchiere ed in palestra. Tre dipendenti avevano un secondo lavoro, svolto una volta usciti dalla Provincia o dal Genio civile.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it