Indietro

Morti sospette al Noa, indagato un primario

L'inchiesta è nata da un esposto presentato dal presidente del Consiglio comunale Benedetti per chiedere di indagare su 33 decessi

MASSA — Il primario del reparto di medicina generale dell'Ospedale Unico delle Apuane è stato indagato dalla procura di Massa nell'ambito di un'inchiesta avviata dopo che il presidente del Consiglio comunale Stefano Benedetti ha presentato un esposto per segnalare il decesso di 33 degenti a suo dire a causa di infezioni intestinali contratte nel reparto fra il dicembre 2017 e il gennaio 2018.

La procura ha chiesto alla Asl di consegnare le cartelle cliniche dei 33 pazienti in questione. Per quanto riguarda l'iscrizione nel registro degli indagati del dirigente medico, per la procura si è trattato di un atto formale, visto che il reparto ha un responsabile. L'ipotesi di reato è omicidio colposo.

"Se è stato compiuto un errore umano nel curare queste 33 persone ce lo diranno le perizie - ha dichiarato il procuratore generale Aldo Giubilaro - I decessi hanno riguardato pazienti molto anziani, sette di questi avevano più di 90 anni, la maggior parte fra i 70 e gli 80, due ne avevano cinquanta. Era doveroso aprire un fascicolo per fare chiarezza soprattutto per i familiari di queste persone a cui abbiamo notifico l'atto di apertura delle indagini".

La direzione dell'Asl ha commentato la vicenda dichiarando di confidare nel lavoro della magistratura per fare chiarezza e fugare ogni dubbio sull'operato del medico. Nel febbraio scorso, dopo la presentazione dell'esposto, la Asl querelò Stefano Benedetti e diffuse una nota in cui spiegava che i decessi nel periodo segnalato dal presidente del Consiglio comunale erano in linea con quelli degli anni precedenti.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it