Indietro

Morti sul lavoro, è sciopero generale

I sindacati di Massa proclamano l'astensione al lavoro di 8 ore per il 15 dicembre in occasione dei funerali dell'operaio morto in una segheria

MASSA — Dopo il terzo morto sul lavoro a Massa Carrara nel giro di un mese, i sindacati, Cgil, Cisl e Uil chiedono più sicurezza. Braccia incrociate per otto ore nella provincia di Massa Carrara. Le tre sigle sindacali attraverso una nota stampa dicono: "Si tratta della terza morte negli ultimi mesi che colpisce il nostro territorio, e a questo stillicidio noi diciamo basta. La scelta di proclamare lo sciopero generale provinciale vuole essere un modo per manifestare da un lato tutta la nostra vicinanza alla famiglia, l'ennesima colpita da un grave lutto, e allo stesso tempo occasione per tutti affinchè si apra una riflessione seria sul tema della sicurezza".

"Come organizzazioni sindacali - aggiungono i sindacati - molto avremmo da dire sulla necessità di adottare un'organizzazione del lavoro che metta al centro il controllo e la prevenzione. Abbiamo protocolli che vengono sistematicamente inapplicati e le sanzioni economiche forse non sono lo strumento sufficente affinchè si metta al centro la sicurezza e l'incolumità di chi lavora. Non è più accettabile una simile situazione nella quale assistiamo alla tendenza delle controparti a non voler più istituire momenti di confronto condivisi che permettano un'analisi compiuta sui rischi derivanti da condizioni e da pratiche di lavoro sempre più rischiose".

Stefano Mallegni, operaio di 52 anni, è morto schiacciato da due lastre di marmo venerdì scorso, all'interno di una segheria del comune di Massa. L'operaio lascia la moglie e un figlio.

I funerali di Mallegni si svolgeranno presso la Chiesa Purissimo Sangue Loc.Cafaggiola ad Ortonovo, e la salma partirà dall'Obitorio di Massa presso vecchio ospedale a Turano alle ore ore 14,30.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it