Indietro

Protesi al cobalto, richiamati trecento pazienti

L'Asl ha disposto accertamenti sulle protesi alle anche impiantate nei pazienti tra il 2003 e il 2011. Possibili effetti collaterali post impianto

MASSA — Sono circa trecento i pazienti apuani che sono stati richiamati dall'Asl per fare alcuni controlli sulle protesi all'anca impiantate tra il 2003 e il 2011. Queste protesi sarebbero a rischio perché potrebbero rilasciare cromo e cobalto. Come riportato sui quotidiani locali, per il centro per la Gestione del rischio clinico della Regione le persone da richiamare per il controllo sarebbero 3.500 in tutta la Toscana.

Secondo l'Asl queste protesi potrebbero rilasciare ioni di cromo o di cobalto e causare danni ai tessuti e alle ossa, ma anche insufficienze renali e cardiache. In alcuni sarà necessario sostituire le protesi.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it