Indietro

Sanac al Mise, 20 operai in cassa integrazione

Si è svolto al Mise il tavolo sul Gruppo Sanac, di cui fa parte anche lo stabilimento di Massa. I commissari lavoreranno per la continuità produttiva

MASSA — Monitoraggio al ministero dello Sviluppo economico sulla situazione del Gruppo Sanac, che ha anche uno stabilimento a Massa, dopo la rinuncia di Arcerol Mittal all'ex Ilva di Taranto. Al tavolo, presieduto dalla sottosegretaria Alessandra Todde e dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, hanno partecipato i Commissari straordinari, i rappresentanti delle Regioni Toscana e Sardegna, i sindaci dei comuni coinvolti e i sindacati. 

La Sanac è attualmente in amministrazione straordinaria, e i commissari straordinari durante il tavolo al Mise hanno detto che lavoreranno per la continuità produttiva dell'azienda e che l'obiettivo rimane quello di salvaguardare i livelli occupazionali. L'azienda ha comunicato che ricorrerà alla cassa integrazione straordinaria. Per quanto riguarda lo stabilimento di Massa la cigs riguarderà 20 operai a rotazione su 112.

"Ci stiamo impegnando - ha detto la sottosegretaria Todde - nel mantenere Arcelor Mittal come interlocutore, così da rispettare gli impegni presi, ma allo stesso tempo cercheremo di fare in modo che si vada avanti secondo scenari che sono in continua evoluzione, salvaguardando sia i livelli occupazionali sia l’integrità dell’azienda".

Il ministero dello sviluppo economico continuerà a monitorare la situazione dell'azienda e riconvocherà il tavolo nel mese di dicembre.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it