Indietro

Chef stellato travolto, ipotesi omicidio stradale

Alessandro Narducci, foto Sky tg 24

E' questa l'accusa a carico dell'automobilista che si è scontrato con lo scooter guidato da Alessandro Narducci. Il cordoglio di Carrara e del governatore Rossi

ROMA — E' stato indagato per omicidio colposo il trentenne che due giorni fa, a Roma, mentre era alla guida della sua Mercedes classe A, si è scontrato frontalmente con lo scooter guidato dal govane chef stellato Alessandro Narducci, figlio di Maurizio Narducci, direttore amministrativo dell'Accademia di Belle Arti di Carrara. Alessandro, 29 anni, e la collega e amica che viaggiava con lui, Giulia Puleio, 25 anni, sono morti sul colpo.

Alessandro Narducci era proprietario con Angelo Troiani del ristorante Acquolina, una stella Michelin.

"Era un giovane di grande talento e un bravissimo ragazzo - ha commentato a nome dell'amministrazione comunale di Carrara l'assessore Andrea Raggi - Suo padre lo adorava, parlava spesso di lui e dell sue doti professionali e personali. E' una vera tragedia".

"La morte non può mai lasciare indifferenti ma ancor meno quando arriva all'improvviso e colpisce un giovane di grandi capacità e potenzialità - ha dichiarato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - Esprimo tutto il mio cordoglio e le condoglianze della giunta regionale toscana alla famiglia Narducci, cui sono vicino in questo momento di indescrivibile dolore per la perdita del figlio Alessandro".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it